• TEST

    TALENT FOR HOSPITALITY

Che cos’è il welfie e perché spopola negli hotel

Cambiano le mode in vacanza e gli hotel si adeguano alle nuove abitudini dei clienti. Quest’estate è boom di welfie, i selfie scattati durante gli allenamenti in palestra o all’aperto.

Dopo i belfie, gli autoscatti che immortalano il lato B, e gli underboob, i selfie per celebrare il proprio seno, largo quindi agli scatti più discreti che celebrano la passione per lo sport e per uno stile di vita sano.

Il desiderio di restare in forma e di esibire un fisico scolpito è sentito soprattutto dai giovani tra i 18 e i 35 anni di età. A rivelare questa nuova passione anche un sondaggio condotto da Hotels.com secondo cui i millennials preferiscono una vacanza a base di fitness e movimento piuttosto che spiagge e birre.

Anche questa volta a dettare la moda del momento c’è una lunga lista di influencer che sui social media pubblicano foto in cui lo sport va a braccetto con le vacanze estive. Le pose in cui ci si mostra sudati durante o dopo un allenamento sembrano di fatto riscuotere quasi lo stesso seguito degli autoscatti in pose sexy o provocatorie.

I welfie aiutano non solo a sentirsi meglio con se stessi ma anche a conquistare like e follower, a fare nuove amicizie e visitare nuovi posti da una prospettiva diversa.

La scelta dell’hotel giusto

Nella scelta dell’hotel ideale per le proprie vacanze la disponibilità di attrezzature all’avanguardia, di un personal training, di menù salutistici e di tecnologie fitness portatili rivestono un ruolo cruciale. Tutto quello che può aiutare a mantenere la linea è visto infatti di buon occhio dai nuovi amanti delle vacanze salutiste.

Per assecondare la voglia di sport, secondo il sondaggio del noto portale, molti viaggiatori sono infatti disposti a rinunciare ai piaceri della buona tavola (36%), al relax (26%), alle attrazioni locali, ai giri turistici (22%) e anche all’alcool (24%).

Gli hotel che vogliono stare al passo coi tempi per soddisfare le nuove esigenze dei millennials devono quindi non solo sfruttare la moda ormai consolidata dei selfie per farsi pubblicità in modo gratuito, ma provare a cavalcare anche l’onda dei welfie in un momento in cui le vacanze sportive godono di così tanta fortuna.

Lascia un commento

commenti