• TEST

    TALENT FOR HOSPITALITY

Lavoro 2017: alberghiero e ristorazione i settori che assumono di più

Buone notizie per chi cerca lavoro nel settore alberghiero e in quello della ristorazione. Nei due comparti è previsto un aumento di assunzioni nei primi mesi del 2017.

La crescita occupazionale, stando ai dati di una recente indagine*, si attesta intorno all’8%, un dato incoraggiante in un periodo in cui i dati sull’occupazione sono impietosi.

Lavorare in un albergo o in un ristorante non è quindi un miraggio. Molte aziende intendono incrementare il proprio organico, lasciando intravedere un trend positivo di ripresa. Con le competenze tecniche e sociali giuste, insieme a una buona dose di entusiasmo, è possibile quindi trovare un impiego anche nei primi mesi dell’anno, solitamente i meno performanti per questi settori.

Più assunzioni nel settore alberghiero

Le maggiori opportunità di lavoro nel settore alberghiero sono legate alla crescita dell’offerta aerea low cost, traducibile nella destagionalizzazione dei flussi turistici.

Crisi economica o meno, c’è infatti una passione a cui gli italiani non rinunciano: i viaggi. Non solo si continua a viaggiare ma, contrariamente a quanto avveniva in passato, si sceglie di farlo durante tutto l’anno. La tendenza è in parte riconducibile al boom delle compagnie aeree low cost, porto sicuro per gli amanti del risparmio e della convenienza.

Negli ultimi anni le compagnie aeree low cost hanno di fatto ottenuto successi considerevoli, dovuti anche a politiche commerciali tanto aggressive quanto efficaci. Il fenomeno ha dato una forte spinta al mercato turistico in generale e all’utilizzo delle strutture ricettive in particolare.

Si spiega così l’aumento delle assunzioni nei settori economici direttamente coinvolti. Meglio quindi farsi trovare pronti e cogliere al volo le opportunità di impiego previste.

La crescita occupazionale nel settore della ristorazione

È l’ampliamento del food retail il motore che spinge le aziende della ristorazione verso un incremento del personale. La ristorazione veloce e a prezzi contenuti è del resto una realtà ben radicata nelle abitudini degli italiani, tanto da essere uno dei segmenti più performanti nel mondo del food.

In generale, quello della ristorazione resta uno dei settori che offre maggiori sbocchi occupazionali.

 

Da un’indagine di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) emerge che dal 2013 la spesa per mangiare fuori casa ha ripreso a crescere in modo costante. Più di 1 italiano su 2 frequenta bar e ristoranti: 12 milioni di persone pranzano abitualmente fuori casa.

Dati positivi a cui è legata direttamente la crescita dell’occupazione nel settore: dal 2008 al 2015 si registra un + 1, 5% e a beneficiare di questo aumento sono stati soprattutto i giovani: 72% degli impiegati sono infatti “under 40”.

Le figure professionali più cercate sono camerieri, baristi, gelatai artigianali, cuochi e aiuto cuochi.

Conclusioni

Non passa giorno in cui non siamo bombardati da dati poco incoraggianti sull’occupazione lavorativa. Eppure abbiamo appena visto che ci sono settori, come quello alberghiero e quello della ristorazione, che sono in cerca di personale.

Se trovare un lavoro è ormai diventato un lavoro, non resta che ignorare i cinici e i catastrofici e inviare subito la propria candidatura alle aziende che assumono. Da dove partire? Da JobValet ovviamente!

* Indagine ManpowerGroup

Lascia un commento

commenti