• TEST

    TALENT FOR HOSPITALITY

Realizzarsi e fare carriera: 3 consigli fondamentali per farlo subito

Fare carriera è un processo solitamente lungo che richiede impegnocostanza e determinazione. Spesso le semplici competenze potrebbero non bastare in un contesto dove il network professionale è considerato la risorsa principale per progredire in quasi tutti i settori. Qualunque sia il campo, ci sono 3 consigli fondamentali per chiunque voglia crescere e migliorare come professionista.

1. Investi su te stesso

È l’investimento che rende i profitti più alti. Investire su se stessi significa sviluppare il giusto atteggiamento e le competenze necessarie per intraprendere il percorso verso la propria realizzazione professionale.

La passione per il proprio mestiere e la motivazione nel progredire sono due fattori indispensabili per la carriera. Da sole non bastano, servono le competenze. Per lavorare nel settore alberghiero e nel turismo bisognerà frequentare l’istituto alberghiero, corsi di Laurea affini e, possibilmente, Master formativi. Una preparazione accademica di livello superiore aiuta a raggiungere posizioni di rilievo in minor tempo. Tutto dipende anche dalla professione che si ambisce a svolgere. Molte professioni nel mondo del lavoro necessitano anche di un’esperienza sul campo che può fare una grandissima differenza.

Insomma, ogni professionista che investe su se stesso (in termini di tempo e denaro) e sull’acquisizione di nuove competenze mette in pratica la strategia migliore per raggiungere i propri obiettivi.

L’auto-miglioramento è un’attitudine e consiste nel migliorare anche le proprie competenze relazionali e caratteriali. Il modo di porsi con gli altri,  il parlare in pubblico, la scelta delle parole da utilizzare secondo il contesto e il tono di voce, sono solo alcune delle skill da implementare per essere padroni di se stessi nelle diverse situazioni che ti troverai ad affrontare.

2. Crea un network

Circondati di persone più in gamba di te ed instaura con loro rapporti duraturi. È un requisito essenziale per crescere sia professionalmente che umanamente. Abbi l’intraprendenza di presentarti sempre a nuove persone e professionisti del settore. Nel tempo creerai un networking di amici e colleghi fidati, che potrebbero rivelarsi alleati preziosi per la tua crescita professionale.

Bisognerebbe creare il proprio network prima di entrare nel mondo del lavoro. Negli Stati Uniti, ad esempio, gli studenti imparano a costruire la propria rete di relazioni e a fare squadra fin dal college. Una mentalità non molto radicata in Italia, dove spesso, i giovani sottovalutano l’importanza delle connessioni.

Fare networking professionale significa anche utilizzare efficacemente i social network. LinkedIn e Facebook sono strumenti utilissimi ai candidati nella ricerca del lavoro, nel seguire i professionisti più affermati, nel restare sempre aggiornati sulle novità del proprio settore.

Dal punto di vista delle aziende almeno un terzo di chi si occupa di risorse umane controlla gli account social dei candidati in fase di valutazione. Le risorse umane controllano i profili LinkedIn per analizzare i curricula e valutare le connessioni professionali, fattori determinanti, in questo caso, per la credibilità del professionista. Consultare i profili Facebook dei candidati serve, inoltre, a verificare l’immagine che danno di sé stessi attraverso i social network. Le aziende preferiscono un’immagine professionale e comportamenti che possano essere in linea con i valori aziendali.

Curate i vostri profili social mostrando il meglio di voi stessi, in onestà ma filtrando quei contenuti che potrebbero in qualche modo essere considerati inappropriati.

3. Sviluppa competenze “trasferibili”

Non pensare a te stesso esclusivamente come “impiegato” o “receptionist”. Sviluppa le tue competenze relazionali, organizzative e tecniche e scoprirai di poter avere nuove opportunità. Un ottimo receptionist non si occupa soltanto dell’accoglienza del cliente, dell’assegnazione delle stanze e dell’amministrazione della cassa, ma sviluppa l’empatia necessaria per soddisfare le richieste del cliente, l’attenzione al dettaglio, una personalità flessibile, capacità di comunicazione e ascolto. Tutte queste skill sono considerate trasferibili e spendibili in contesti lavorativi differenti.  Solo i receptionist che coltivano la crescita di tutte queste competenze possono aspirare a diventare Direttori d’Albergo.

Sviluppa le tue competenze “trasferibili” per essere competitivo sul mercato del lavoro come professionista a tutto tondo.

Se punti alla tua realizzazione professionale nel campo dell’hospitality e stai cercando lavoro in Hotel, CONSULTA le offerte di lavoro attive, REGISTRATI a JobValet e CANDIDATI per farti conoscere dalle aziende leader del settore.

Lascia un commento

commenti